martedì 29 gennaio 2013

Aceto Balsamico del Duca - dal 1891

Aceto Balsamico del Duca :)
Cosa c'è di meglio che rientrare a casa da lavoro e trovare un bel pacco da scartare? 
Per me ieri sera è stato così, sono rientrata a casa e ho trovato un grande pacco (più o meno conoscevo già il contenuto visto che era incartato con lo scotch del marchio :)).. Ho cominciato ad aprirlo e dentro la prima grande scatola ho trovato 6 scatole più piccole, tutte magistralmente impacchettate per non far rovinare il prodotto durante il trasporto e una carinissima lettera :) 
Alla fine dello spacchettamento mi sono trovata davanti 6 bellissime bottiglie di Aceto Balsamico del Duca :) e la mia gioia era tanta, tantissima! 
Mi piace davvero molto l'aceto balsamico, lo uso in molte ricette e proprio per questo non vedo l'ora di provarlo :)

122 anni di passione per l'aceto balsamico:
E’ il  1891 quando Adriano Grosoli, proprietario di una  Premiata Salumeria, inizia la vendita di specialità alimentari di sua produzione: salumi, insaccati, formaggi, Lambrusco e Aceto Balsamico
Il lavoro non manca e l’azienda si distingue per la qualità dei propri prodotti: nel febbraio del 1927 a Genova, in occasione dell’Esposizione Internazionale viene conferito il “Diploma di Gran Premio e Medaglia d’Oro alla ditta Grosoli Adriano per la speciale lavorazione di prodotti tradizionali”. Col tempo, ad Adriano succede il figlio Mario, che continua con la stessa passione del padre a portare avanti la “bottega” di famiglia. Gli anni passano e le specialità della Premiata Salumeria Grosoli divengono sempre più rinomate e, lentamente, si fa strada l’idea di ampliare la produzione di Aceto Balsamico, profonda passione di famiglia. 
L’azienda continua a prosperare e nel 1972 Mario lascia il comando al figlio Adriano che, dal 1974 decide di dedicarsi esclusivamente alla produzione di Aceto Balsamico di Modena. Insieme alla moglie Luciana, sceglie il nome “Aceto Balsamico del Duca” e decide di contraddistinguere il prodotto con l’immagine del Duca Francesco I d’Este, tra i più famosi e appassionati produttori di quel “balsamo” molto apprezzato alla corte degli Estensi. Il ritratto, magistralmente eseguito da Velasquez nel 1638, è esposto nella Galleria Estense di Modena e diventa da allora il logo inconfondibile dell’azienda, che ne finanzia il restauro nel  1986 e la messa in sicurezza, con una nuova cornice, nel 2010.  E’ con questo nome e con questa immagine che il prodotto si fa conoscere sulle tavole non solo degli italiani ma di tutto il mondo.  
Nel Novembre del 1975 Aceto Balsamico del Duca riceve una Targa di riconoscimento per avere esposto a Tecnhotel – BIBE 75 di Genova  per avere rinnovato “quella fiducia espressa nel 1927 in occasione dell’Esposizione Internazionale – Mostra campionaria”.  
Nel 1980 entrano alla direzione e gestione dell’azienda le nuove generazioni della famiglia: prima la figlia Mariangela e qualche anno dopo la sorella Alessandra; con loro l’azienda si amplia, aumentando in prestigio e conquistando nuovi mercati internazionali. Aceto Balsamico del Duca è tutt’ora a San Vito di Spilamberto, dove conserva la sede storica (oggi dedicata all’invecchiamento del prezioso Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP), situata in un’antica fornace per la cottura dei mattoni edificata intorno al 1600, dalla caratteristica forma ellittica e dai soffitti a travi vive.  
Nel 1992 è stato inaugurato un nuovo stabilimento, poi ulteriormente ampliato nel 2004. Al suo interno sono collocati i grandi tini di rovere destinati alla maturazione di Aceto Balsamico di Modena IGP, oltre a moderne linee di imbottigliamento, che utilizzano tecnologie attente alle esigenze dei clienti, pur nel rispetto dei tradizionali metodi produttivi, per garantire sempre la massima qualità di prodotti e servizi.  
E’ del maggio 2008 l’inaugurazione della nuova e funzionale Palazzina Uffici e del rinnovato spaccio per la vendita diretta al pubblico, in un contesto di lavoro ideato e realizzato a misura di lavoratore. Lo stabilimento produce Aceto Balsamico di Modena IGP destinato per il 70% all’export: sono oltre 36 i Paesi verso cui viaggia l’Aceto Balsamico del Duca, in prevalenza nei mercati di Unione Europea, Giappone, Svizzera, Corea, Australia, Russia ed Emirati Arabi. Per quanto riguarda il territorio nazionale, Aceto Balsamico Del Duca è proposto dalle più diffuse catene distributive, da catene alberghiere di prestigio, raffinate enoteche e antiche salumerie nei centri storici delle maggiori città o siti turistici.  
Dal 1995 Aceto Balsamico del Duca ha deciso di ampliare la propria gamma presentando un Aceto Balsamico di Modena IGP prodotto con uve provenienti da agricoltura biologica, oggi disponibile anche con un invecchiamento in botti di rovere superiore a tre anni. 
Nel 2009 il legame profondo con il proprio territorio ha portato Aceto Balsamico del Duca a realizzare un prodotto a filiera corta chiamato “Solo Modena”, per questo prodotto ha ricevuto il “Premio 2009-2010 Responsabilità Sociale di Impresa” istituito dalla Provincia  di Modena.
Il 12 Dicembre  2010 la Camera di Commercio di Modena, allo scopo di porre in evidenza e premiare le imprese longeve e di successo della provincia, nonché gli imprenditori che hanno dedicato la propria vita ad una attività imprenditoriale nel medesimo settore di attività, conferisce ad Adriano Grosoli e Aceto Balsamico del Duca il “Premio 2010 Fedeltà al lavoro e progresso economico”.  
Da quattro generazioni la famiglia Grosoli produce con entusiasmo e passione un Aceto Balsamico di Modena “Al Vertice del Sapore”. 

Ed ecco i prodotti che avrò l'onore di provare :)

Nascosta tra i ricordi e le carte polverose di una soffitta, un’antica ricetta di famiglia si rivela …nasce “dal 1891”, un Aceto Balsamico di Modena IGP che richiama i sapori e profumi di un tempo. 
Risultato dell’accurata selezione delle uve, della particolare cottura dei mosti e dell’affinamento in pregiate botti di rovere, “dal 1891” è un prodotto denso e vellutato; il morbido bouquet e il corpo pieno si completano in un armonioso equilibrio. Il dolce sapore di mosto cotto si fonde col retrogusto piacevolmente legnoso e regala un’intensa emozione al palato. 
L’Aceto Balsamico di Modena IGP “dal 1891” è l’ideale per esaltare verdure cotte e insalate, risotti e torte salate o per arricchire pietanze di carne e pesce; consigliato per l’utilizzo a crudo, rifinisce ed esalta ogni piatto. Presentato nell’elegante bottiglia da 250 ml, coniuga novità e tradizione: il design moderno e accattivante si sposa con l’antico sapore della ricetta di famiglia. Ideale come gradito omaggio o per concedersi un piccolo lusso quotidiano.



BIOLOGICO - Affinato
L’Aceto Balsamico di Modena IGP Biologico è prodotto utilizzando mosti di uve Trebbiano e selezionato aceti di vino senza aggiunta di coloranti e conservanti. L'affinamento avviene in pregiate botti di rovere. Il suo caratteristico sapore agrodolce con distinte note di mosto lo rende ideale per esaltare piatti a base di carne o pesce e per rendere più gustose le verdure sia cotte che crude.
Viene proposto nelle bottiglie standard da 250 ml e 500 ml. Per coloro che cercano i cibi genuini e sono attenti alla propria salute ed alla tutela dell’ambiente.







SOLO MODENA - Affinato

PRIMO PREMIO RESPONSABILITA’ SOCIALE D’IMPRESA 2009-2010 Provincia di Modena
"Solo Modena" contribuisce a minimizzare l’emissione di CO2 in atmosfera lungo la filiera produttiva dell’Aceto Balsamico di Modena IGP.
Questo Aceto Balsamico di Modena IGP del Duca è prodotto con uve Trebbiano, Lambruschi e Ancellotta coltivate esclusivamente nella provincia di Modena, affinato in botti di rovere ed elaborato secondo la tradizionale tecnica produttiva. Tipiche note fruttate, sapore unico e avvolgente, nessuna aggiunta di coloranti e conservanti, assenza di glutine: queste le peculiarità di un prodotto veramente nuovo e legato inscindibilmente al territorio d’origine.
Utilizzato a crudo, su carni lessate o verdure, stupirà per il prorompente profumo e la piacevole dolcezza.



ANFORA CARA - Invecchiato
Questo Aceto Balsamico di Modena IGP è prodotto con mosto d’uva cotto e aceto di vino ed invecchiato oltre 3 anni in pregiate botti di rovere. Si distingue per corpo, profumo ed un inconfondibile gusto fruttato con distinte note di mosto ed una delicata pungenza.
Particolarmente indicato per arricchire piatti a base di formaggio, sulle grigliate di carni bianche e rosse e sul pesce arrosto o bollito.
E’ disponibile anche in astuccio con pratico versatore.

Non vedo l'ora di provarli e di creare nuove ricette con questi prodotti :)
intanto vi lascio con un po' di dati dell'azienda:


Aceto Balsamico del Duca di Adriano Grosoli srl
Sede storica
Via Medicine, 2340 – Spilamberto Loc. San Vito
Nuova sede operativa e vendita diretta                                                     
Via Medicine, 2110 –  Spilamberto Loc. San Vito

Gli indirizzi web
www.acetobalsamicodelduca.it
info@acetodelduca.it

Tel. (+39) 059 469471; Fax (+39) 059 469066


12 commenti:

  1. che meraviglia anche io come te adoro l'aceto balsamico e ceh bel post ricco di info e storia

    RispondiElimina
  2. non lo conoscevo questo marchio, complimenti per l'ottima presentazione e le foto

    RispondiElimina
  3. mmm adoro l'aceto balsamico!!! :-)

    RispondiElimina
  4. non conoscevo quest'azienda grazie per avercela presentata cosi' bene

    RispondiElimina
  5. Mi piace tantissimo aggiungere l'aceto balsamico ai miei piatti, li rende unici e gustosi :)

    RispondiElimina
  6. adoro l'aceto balsamico ma questo non lo conoscevo, grazie

    RispondiElimina
  7. Adoro gli aceti e li uso da sempre, arricchiscono ogni piatto

    RispondiElimina
  8. azienda nuova grazie delle info mio marito il balsamico lo mette ovunque

    RispondiElimina
  9. Io adoro il balsamico questo però non l'ho mai assaggiato!! Provvederò!!

    RispondiElimina
  10. ciao che meraviglia queste bottiglie, le vorrei tanto assaggiare.

    RispondiElimina
  11. Ciao bellissima questa recensione sono davvero dei buonissimi prodotti, mi sono iscritta al tuo blog passeresti nel mio? http://pallittarecensioni.blogspot.it/

    RispondiElimina